IL LIBRO DELLA VITA • IV Edizione

Ospiti autorevoli raccontano il libro che li ha ispirati

Comune di Scandicci • Scandicci Cultura
A cura di Raffaele Palumbo
5 Novembre 2017 – 6 Maggio 2018 | ore 11.00
Nuovo Auditorium piazzale della Resistenza Scandicci

• ingresso libero •

Grazie al Libro della vita, il Comune di Scandicci ha conseguito la qualifica di Città che legge, assegnata dal Centro per il libro e la lettura. Il riconoscimento certifica il costante impegno dell’Amministrazione nella diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

Raffaele Palumbo, giornalista, è nato a Napoli nel 1971. Laureato con lode in Sociologia del Mutamento all’Università di Napoli e Dottore di ricerca in Sociologia delle Comunicazioni presso l’Università degli Studi di Firenze, collabora con testate giornalistiche, radio, tv e web di Firenze, tra cui Controradio, RTV38, Corriere Fiorentino e Corriere.it.

50 MINUTI PER INNAMORARSI DI UN LIBRO

Il Libro della Vita è un ciclo progettato e promosso dal Comune di Scandicci in cui ospiti provenienti dal mondo della letteratura, della cultura e dello spettacolo raccontano il libro che gli ha cambiato la vita. La rassegna, ospitata nel Nuovo Auditorium di Scandicci, si propone come evento culturale metropolitano che mette al centro la lettura.

Uno spazio che si apre la domenica mattina, un’occasione per innamorarsi di un libro, una piccola grande scuola di lettura, eterogenea per linguaggi, temi, libri, personaggi, stili. E soprattutto democratica.

Le novità della quarta edizione

Agli incontri con Emanuele Macaluso (5/11), Nadia Malanima (28/01) e Pupi Avati (18/03) sarà presente Sergio Staino.


 

Il Comune di Scandicci, deciso ad abbattere per quanto possibile le barriere e ad ampliare l’accesso ai contenuti culturali, ha predisposto per gli incontri del 28 gennaio e del 18 marzo la traduzione simultanea nella Lingua dei Segni Italiana (LIS), grazie alla collaborazione con l’Associazione Comunico.

UN PROGETTO DI

CON

CON IL PATROCINIO DI