29 gennaio 2017

ANNA KARENINA

Sentiva tutto il tormento della posizione sua e di quella di lei, l’imbarazzo creato dalla necessità, esposti com’erano agli occhi del mondo, di dover nascondere il loro amore, e di mentire e di ingannare, di dover usare mille astuzie e doversi preoccupare continuamente degli altri, mentre la loro passione era così grande che per entrambi null’altro v’era al di fuori del loro amore.

WLODEK GOLDKORN parla di ANNA KARENINA
Domenica 29 gennaio 2017, ore 11:00

Ascolta e rivedi l’incontro

ANNA KARENINA

Анна Каренина (1873-1877) è un’opera aggressiva e polemica, che affronta gran parte dei problemi sociali di quegli anni. L’azione del romanzo si svolge in un ambiente che Tolstoj conosceva perfettamente: l’alta società della capitale. Tolstoj denuncia tutte le segrete motivazioni dei comportamenti dei personaggi, le loro ipocrisie e le loro convenzioni, e forse, quasi senza volerlo, mette sotto accusa non Anna, colpevole di aver tradito il marito, ma la società, colpevole di averla annientata. La forza di Tolstoj artista si identificava con la potenza di Tolstoj moralista, il quale toglieva a chiunque l’arbitrio di giudicare, perché solo Dio può giudicare, come è detto nelle bibliche parole dell’epigrafe: «A me la vendetta, io farò ragione». Anna Karenina è l’antecedente di tutta una serie di romanzi del XX secolo, costruiti secondo i principi della psicoanalisi. In molti punti il romanzo è autobiografico: nel personaggio di Levin, dedito alla conduzione delle proprie terre e alla famiglia, Tolstoj rappresenta se stesso, mentre in alcuni splendidi personaggi femminili (non in Anna) sono riconoscibili certi tratti della moglie, che peraltro aiutò Tolstoj nella stesura dell’opera, consigliandolo su come far procedere la trama.

LEV TOLSTOJ (Jàsnaja Poljana, 9 settembre 1828 – Astàpovo, 20 novembre 1910), è stato uno scrittore, filosofo, educatore e attivista sociale russo. Divenuto celebre in patria grazie ad una serie di racconti giovanili sulla realtà della guerra, il nome di Tolstoj acquisì presto risonanza mondiale per il successo dei romanzi Guerra e pace e Anna Karenina, a cui seguirono altre sue opere narrative sempre più rivolte all’introspezione dei personaggi ed alla riflessione morale. La fama di Tolstoj è legata anche al suo pensiero pedagogico, filosofico e religioso, da lui espresso in numerosi saggi e lettere che ispirarono, in particolare, la condotta non-violenta dei tolstoiani e del Mahatma Gandhi.

PER APPROFONDIRE